A lograr movilización y crear conciencia popular

A lograr movilización y crear conciencia popular

El MAPU no se rinde

El MAPU no se rinde

48 años de lucha

48 años de lucha

«

MAPU: 46 AÑOS LUCHANDO, CREANDO PODER POPULAR

«

POR LOS DERECHOS DE LOS PUEBLOS Y LOS TRABAJADORES

«

No + AFP, No + migajas, renacionalización del cobre y del agua, educación gratuita, estatal y de calidad:

A ORGANIZAR UN GRAN PARO GENERAL


«

EL MAPU SALUDA AL MPT
EN SU QUINTO ANIVERSARIO 5 de abril 2009-2014

UNIR LAS LUCHAS PARA QUE LOS PUEBLOS Y LOS TRABAJADORES MANDEN

miércoles, 25 de julio de 2012

Desde Italia, con Chávez y la Revolución en el corazón



Con este artículo, iniciamos la publicación de noticias y análisis de interés para la revolución mundial, en italiano, conscientes del carácter internacionalista proletario de nuestro Movimiento, y en memoria de las raíces de nuestros militantes caídos en la lucha, José Rufino Córdova Croxatto, Juan Bosco Maino Canales y Marcos Ariel Antonioletti.



SEGUENDO L’INSEGNAMENTO DEL LIBERTADOR BOLIVAR E LA PRATICA SOCIALISTA RIVOLUZIONARIA DEL COMANDANTE CHAVEZ SI RAFFORZANO LE CONQUISTE SOCIALI E POLITICHE DELLA RIVOLUZIONE BOLIVARIANA

Rete dei Comunisti
25 luglio 2012


Si è svolta ieri a Roma, organizzata dalla Rete dei Comunisti, una giornata di lotta e una tavola rotonda su Il Modello Socialista della Rivoluzione Bolivariana, nell’ambito della campagna internazionale lanciata dal XVIII Foro di San Paolo per il 24 luglio - data in cui ricorre il 229° anniversario della nascita del “Libertador” Simón Bolívar - come giornata di solidarietà con la Rivoluzione Bolivariana e con il Comandante Hugo Chavez Frías, per respingere e contrastare le campagne di terrorismo massmediaticho e di tentativo di destabilizzazione contro il governo socialista venezuelano, sostenute e organizzate dalla destra internazionale e dalla sinistra liberista ed eurocentrica.

L’incontro e le diverse attività informative di sostegno si sono svolte in una delle sedi storiche dei movimenti sociali a Roma, la Casa della Pace, ed hanno visto la partecipazione di un pubblico attento, solidale e molto numeroso. Militanti politici, dirigenti sindacali, in particolare dell’Unione Sindacale di Base, attivisti dei movimenti sociali e contro la guerra, dei comitati di solidarietà internazionalista, giornalisti, studiosi, insieme anche a cristiani di base, hanno risposto all’appello militante a sostegno della Rivoluzione Bolivariana.

L’ iniziativa e la stessa giornata di mobilitazione internazionale è stata accompagnata e preceduta da una campagna informativa, promossa dalla Rete dei Comunisti con appelli, articoli e comunicati diffusi in situazioni di lotta e su molti posti di lavoro, con trasmissioni su Radio Città Aperta, e con una continua documentazione sul sito dell’organizzazione, Contropiano on line.

La tavola rotonda è stata introdotta e coordinata da Luciano Vasapollo, Professore dell’Università la Sapienza di Roma, Direttore dell’Associazione e Rivista Nuestra America e Vicepresidente del Comitato Internazionale Giustizia per i Cinque, il quale ha aperto il suo intervento esprimendo a nome della Rete dei Comunisti la solidarietà militante ed il pieno sostegno politico alla Rivoluzione Bolivariana, al ruolo trainante del socialismo in Venezuela, non solo per l’ALBA Alleanza Bolivariana per i Popoli di Nuestra America, ma anche per tutti i paesi Latino-Americani e Caraibici, a guida progressista e democratico-partecipativa.

Proseguendo nel suo intervento il Professor Vasapollo, ha sottolineato come il processo concretamente messo in atto dal governo rivoluzionario bolivariano del Venezuela parli oggi dell’attualità dei processi reali del socialismo nel contesto del 21° secolo. Il percorso intrapreso dal Venezuela e dai paesi dell’ALBA, con il contributo essenziale e strategico di Cuba, va oltre la necessaria lotta internazionale contro l’imperialismo, e indica nel pieno della crisi sistemica globale, una concreta alternativa anticapitalista con la costruzione del socialismo possibile nell’attuale contesto storico e politico.

Sono intervenuti e hanno portato il loro saluto Fabio Nobile Consigliere Regionale del PCdI – FDS, Igor Camilli di Patria Socialista, Marco Benevento della Rete dei Comunisti, Roger Rubio Coordinatore per l’Italia della Gioventù del Partito Socialista Unito del Venezuela.

Durante la tavola rotonda sono stati evidenziati da tutti gli interventi i successi del Governo Bolivariano e gli avanzamenti nel processo di transizione al socialismo, realizzati nella sanità, nell’istruzione, nella previdenza sociale e nell’occupazione.

Gli oratori in più di un passaggio hanno ribadito la piena solidarietà ed il sostegno al governo, al popolo venezuelano ed al Presidente Hugo Chavez Frias, augurando per il 7 ottobre un grande successo elettorale che ponga fine ad ogni illusione e illegittima ingerenza da parte della destra oligarchica venezuelana e degli imperialismi statunitense ed europeo che continuano a minacciare l’autodeterminazione dei popoli.

Roger Rubio Coordinatore per l’Italia del JPSVU nel suo intervento ha sottolineato come la Rivoluzione Bolivariana guidata dal Presidente Hugo Chavez Frias ha saputo legare l’esempio di Simon Bolivar e dei combattenti per l’indipendenza all’attualità della lotta per il socialismo del 21° secolo. Chavez ha ridato coscienza politica, attraverso le riforme sociali, chiamando alla lotta per spezzare l’ordine reazionario delle oligarchie borghesi. In questo modo la Rivoluzione Bolivariana ha messo in moto un protagonismo politico tra le masse che solo la reale prospettiva socialista può dare e consolidare.

Concludendo l’incontro, il Professor Vasapollo ha ricordato che le elezioni del prossimo 7 ottobre, rappresentano un passaggio delicatissimo. La forza ed il consenso intorno al Presidente Chavez e alla rivoluzione sono ogni giorno più forti, e la mobilitazione popolare, così come è stato contro il tentativo di golpe del 2002, rappresenta la garanzia contro i disegni reazionari delle opposizioni e dei loro sostenitori stranieri, che mal digeriscono il potere popolare in particolare quando si esprime con la forte impronta rivoluzionaria socialista, che rappresenta un concreto esempio del fare politica per una sinistra europea ormai quasi del tutto compromessa con le politiche neoliberiste.

Hanno partecipato all’iniziativa l’Ambasciatrice della Repubblica Bolivariana del Venezuela presso la FAO, Gladys Urbaneja e Marycel Pacheco, Secondo Segretario dell’Ambasciata in Italia.

La Rete dei Comunisti è sempre stata al fianco della Rivoluzione Bolivariana e del Partito Socialista Unito del Venezuela, nostre delegazioni hanno partecipato come osservatori internazionali alle precedenti elezioni presidenziali e ai referendum.

Anche questo anno saremo presenti in Venezuela con una nostra delegazione non solo per esprimere la nostra solidarietà e amicizia, ma perché pensiamo che anche le forze anticapitaliste europee debbano guardare al processo in corso nella Nuestra America, come la principale e concreta alternativa al capitalismo, quella che noi, come i compagni cubani, venezuelani e boliviani, consideriamo la costruzione del socialismo possibile nel XXI secolo, visti gli attuali rapporti di forza, nella fase storica della crisi sistemica del capitalismo.

La Rete dei Comunisti in queste ultime due settimane si è inoltre impegnata e sta continuando ad impegnarsi in Italia ed in Europa per la raccolta di firme per un appello in favore della Rivoluzione Bolivariana e in pieno appoggio al Presidente Chavez al suo Governo e al popolo venezuelano. L’impegno in tal senso della Rete dei Comunisti ha portato all’adesione di organizzazioni comuniste, di sindacati di classe e conflittuali, di strutture dei movimenti sociali e di comitati e associazioni di solidarietà internazionalista, oltre a quella di tanti compagni e militanti rivoluzionari che insieme alla Rete dei Comunisti sempre sono impegnati attivamente nell’appoggio militante ai processi rivoluzionari del Venezuela, Cuba, Bolivia e di tutti i paesi dell’ALBA, della Palestina e delle organizzazioni antimperialiste e anticapitaliste che lavorano attivamente nei loro contesti politico regionali.

 Vide - Ver: www.contropiano.org .



No hay comentarios:

Publicar un comentario